Fincantieri, si lavora per la “pace” tra Italia e Francia?

La vicenda FincantieriStx, che tanto aveva suscitato irritazione nel governo italiano per il “tradimento” dei patti siglati con i francesi, potrebbe presto arrivare a una soluzione forse gradita da entrambe le parti. Secondo quanto riportava il quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore negli scorsi giorni, infatti, la soluzione della vicenda FincantieriStx potrebbe passare per un’alleanza ad ampio raggio che include anche le attività militari.

L’indiscrezione non è solo tale. Il quotidiano rammenta come a confermare tale percorso è stata la stessa ministro francese della Difesa, Florence Parly, che ha affermato di voler “dare alla nostra difesa i mezzi per svilupparsi in modo importante, in particolare nel settore navale“.

Intervenendo durante un dibattito all’Università di Tolone, il ministro francese ha poi aggiunto che è per questo motivo che si sta “lavorando con i nostri colleghi italiani per costruire un’alleanza tra le industrie navali militari francesi e italiane con l’ambizione di creare un leader mondiale del settore. Questo progetto ambizioso sta avanzando di concerto con le aziende interessate”.

Chiaramente, una simile strada non sarebbe nient’altro che la possibilità di arrivare a un nuovo compromesso tra le parti, che porti alla nascita di un maxi-polo tra l’Italia e la Francia, nel comparto civile e in quello militare.

E l’Italia? In attesa di posizioni ufficiali dal governo, per il momento il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a margine dell’Italian equity week organizzata da Borsa Italiana, ha invitato a lavorare per una positiva risoluzione del negoziato, augurandosi “che prevalga il buon senso e che la Francia diventi sempre più europea”.

Vedremo ora nelle prossime settimane che cosa accadrà su tale fronte, e che sviluppi saranno proposti da entrambe le parti in causa.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *