Visa chiude trimestre con fatturato oltre le attese

Visa, uno dei leader mondiali nel settore dei sistemi di pagamento attraverso carte di credito, ha annunciato di aver chiuso il primo trimestre 2017 con un livello di fatturato che è stato superiore alle attese dei principali analisti finanziari internazionali, ma con un livello di utili piuttosto fiacco su base storica e contro attese. Nel dettaglio, la società ha chiuso il trimestre con un fatturato in crescita del 23 per cento a 4,5 miliardi di dollari, grazie soprattutto alla recente acquisizione in Europa, superando così agevolmente le stime degli analisti che prevedevano ricavi a 4,28 miliardi di dollari.

Non così bene sembra essere andata l’ultima parte del conto economico societario, con l’utile che è infatti sceso del 75 per cento a 430 miliardi di dollari, pari a 18 centesimi di dollari per azione, rispetto ai 71 centesimi di dollari per azione del medesimo periodo precedente. A nuocere alla tenuta della redditività netta societaria è stato principalmente il costo complessivo legato alla riorganizzazione Visa Europe; ne consegue che sterilizzando questi ultimi pesi economici da riorganizzazione, l’utile sarebbe stato pari a 86 centesimi di dollari per azione, e dunque superiore alle attese degli analisti.

Con la nota con la quale Visa ha comunicato i suoi dati societari, il gruppo ha specificato anche di aver aumentato il piano di buyback di 5 miliardi di dollari a 7,2 miliardi di dollari anche per compensare la diluizione da Visa Europe. Il management ha comunque rivisto al ribasso gli utili per azione per l’intero anno, stimando una crescita “poco sotto la doppia cifra”: per la società è comunque un duro colpo di immagine, visto e considerato che – serie storiche alla mano – la previsione formulata dal top management equivale alla stima più bassa da 30 anni a questa parte.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *