BCE, si attende l’esito della riunione della Banca

bceIl consiglio direttivo della BCE che sta per riunirsi dovrebbe prendere atto dei progressi sul ciclo economico, risultato faticoso delle politiche monetarie super espansive che sono state adottate nel corso degli ultimi anni.

È molto probabile che con questa occasione possano essere alzate anche le stime di crescita, sia per il 2018 che per il 2019, e anche le stime di inflazione saranno ritoccate per effetto del rincaro del prezzo del greggio. Le prime stime per il 2020 dovrebbero essere finalmente fornite, in maniera coerente con la fine del programma di acquisto titoli entro inizio 2019, sebbene è molto probabile che la Banca almeno per il momento possa essere tentata da lasciare inalterata la guidance sui tassi e sugli acquisti. È comunque non da escludere il fatto che possano essere forniti dettagli tecnici sulla ripartizione degli acquisti per classi di asset a partire da inizio 2018.

Per quanto poi attiene l’aggiornamento dei dati macro, la stima flash del mese di dicembre potrebbe indicare una correzione del PMI composito a 57,0 punti da 57,5 punti sulla scia di un calo dell’indice manifatturiero a 59,6 punti contro i precedenti 60,1 punti e di quello dei servizi a 55,7 punti da 56,2 punti.

Per quanto concerne i dati nazionali, in Germania, il PMI manifatturiero potrebbe scendere a 61,6 punti mentre i servizi potrebbero rimanere stabili a 54,5 punti. In Francia, il PMI manifatturiero potrebbe correggere a 57,2 punti e l’indice dei servizi scendere a 59,4 punti. Gli indicatori PMI dovrebbero quindi essere sostanzialmente migliorati nel terzo trimestre e in chiusura d’anno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *