Cina, l’economia cresce più del previsto

Questa mattina sono stati pubblicati i nuovi dati macroeconomici cinesi, risultati essere migliori del previsto. Infatti, nel corso del 4 ° trimestre il PIL è cresciuto del 6,8% su base annua, più dello stimato + 6,7% anno su anno, in linea con il precedente 6,8%. Pertanto, nel 2017 la Cina ha potuto registrare la sua prima accelerazione per l’intero anno, da quanto avveniva dal 2010 a questa parte.

Per quanto concerne gli altri dati macro, a dicembre la produzione industriale è aumentata del 6,2% su base annua, dal + 6,6% anno su anno, più di quanto era stato previsto (+ 6,1% anno su anno) e del dato precedente (+ 6,1% su base annua, del mese di novembre). Le vendite al dettaglio sono aumentate del 9,4% su anno, contro il 10,2% su anno da inizio esercizio, meno dell’atteso + 10,2% su anno e del dato precedente di + 10,2% su anno (ma solo marginalmente inferiore al precedente 10,3% annuo che era stato registrato a novembre). Ancora, rileviamo come gli investimenti in immobilizzazioni siano aumentati del 7,2% da inizio anno, più del previsto + 7,1% annuo ed in linea con il precedente 7,2%.

Complessivamente, questi dati sono in grado di confermare il buono stato di salute dell’economia cinese e suggeriscono che il governo ha spazio ulteriore per poter perseguire le riforme pianificate necessarie per spostare la crescita verso una maggiore sostenibilità di lungo termine. Nel contempo, potrebbero rappresentare una base ideale per poter ridurre l’eccesso di capacità, alleviare i settori più indebitati e contenere l’inquinamento. Insomma, complessivamente lo scenario macroeconomico rimane piuttosto positivo, e molto favorevole alle materie prime, in particolare ai metalli industriali.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *