Come cuocere perfettamente la pasta

5 spaghetti-569067_960_720Lunga, corta, condita o anche solo bianca: la pasta è l’elemento principe della cucina italiana. Non sempre però essa è sinonimo di cottura perfetta, se non sai come farlo. Vediamo un paio di trucchi per preparare una pasta perfetta!

Parola d’ordine: giuste quantità

Per ottenere una cottura perfetta della pasta bisogna prima di tutto partire dalla quantità di acqua da mettere sul fuoco, ovvero 1 litro di acqua per ogni 100gr di pasta. A questa semplice regola bisogna applicare il 10% in più quando si tratta di cuocere pasta di grandi dimensioni come per esempio paccheri, spaghettoni, fusilloni e formati similari. Ovviamente l’utilizzo dei cestelli cuocipasta professionali agevola questa operazione, ma si possono ottenere ottimi risultati anche a casa. Un altro punto molto importante riguarda il sale, l’ideale sarebbe versarlo nell’acqua appena prima del suo bollore, mettendolo prima si velocizza l’ebollizione ma ci conferisce all’acqua un gusto più ferroso. Rispetto alla quantità invece le correnti di pensiero sono diverse, in genere il rapporto è inversamente proporzionale, più tempo occorre per cuocere la pasta meno sale si deve mettere. E’ necessario inoltre sfatare un mito, diventato ormai abitudine per molte persone ai fornelli: l’olio nell’acqua. Chi appartiene a questa corrente pensiero afferma che l’olio serva per non far attaccare la pasta alla pentola, in realtà l’unica cosa di cui la pasta ha bisogno è ridarle quello che le è stato tolto e cioè l’acqua.

Dettagli fondamentali: la gestualità!

La pasta lunga deve essere buttate in pentola con un solo gesto, gli spaghetti vanno tenuti con le mani in un unico mazzetto al centro della pentola dopo di che basterà ruotare una mano in senso contrario all’altra come nel gioco cinese Shangai e lasciare che si adagi sui bordi per poi piegarla delicatamente quando si sarà ammorbidita; mentre la pasta corta piò essere versata un poco alla volta. Uno strumento fondamentale per la cottura della pasta è l’arnese con il quale deve essere girata, un forchettone per la pasta lunga e un cucchiaione per i formati più corti. E’ importante girare la pasta appena versata nell’acqua bollente per evitare che si attacchi, dopo di che basterà mescolarla di tanto in tanto fino alla completa cottura. Per garantire una cottura della pasta ottimale, di norma le indicazioni sulla confezione sono sempre attendibili ma l’assaggio lo è di più. Va ricordato inoltre che più i tempi di cottura sono lunghi, più il grano e la lavorazione della pasta saranno di qualità. Consigliato inoltre l’uso del coperchio che dovrà essere poggiato sulla pentola coprendola per 2/3 per far sì che il vapore possa fuoriuscire e la pasta cuocere uniformemente. Una buona raccomandazione è quella di tenere a mente che la pasta continua a cuocere fino a che non viene trasferita nel piatto da portata perciò se la vostra ricetta necessita anche di un passaggio in padella sarà bene scolare la pasta uno/due minuti prima così da evitare errori irreparabili. Ultima cosa ma non meno importante è non passare la pasta una volta scolata sotto il getto di acqua fredda, questo passaggio si rende necessario esclusivamente quando la pasta viene servita come contorno o per le insalate fredde.

 

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi