Cos’è il microcredito e come è nato

Il microcredito consiste in una serie di programmi di finanziamento in grado di concedere piccoli prestiti a persone povere o che non potrebbero avere accesso a tradizionali canali bancari, al fine di supportare progetti di lavoro autonomo che generano reddito, permettendo così loro di poter avviare e sviluppare una attività lavorativa.

Ad accreditarsi di tale concetto è Muhammad Yunus, che fece del microcredito un modello di business socialmente responsabile e attuabile, fondando la Grameen Bank nel 1983, nel tentativo di combattere l’estrema povertà di cui era diretto testimone nelle zone rurali del Bangladesh. La Grameen Bank si concentrava sui soli prestiti ai poveri, un gruppo di clienti a cui era stato precedentemente negato l’accesso al credito poiché considerati debitori ad alto rischio, con un’alta probabilità di insolvenza.

Il modello di business della Grameen si basava su prestiti di circa 80 dollari, senza alcuna forma di garanzia o contratto. Il “segreto” con il quale l’istituto favoriva la restituzione puntuale del debito era legato a una sorta di pressione di gruppo che veniva esercitata per aiutare a garantire che ogni persona potesse agire in modo responsabile. Ogni mutuatario doveva infatti essere parte di un gruppo di cinque persone della stessa comunità, anch’esse desiderose di un prestito e, dunque, tutte coinvolte positivamente a incoraggiare la rispettiva restituzione del debito. Nel 2006, Yunus e la Grameen Bank hanno ricevuto il premio Nobel per la pace per il proprio lavoro pionieristico con il microcredito.

Oggi ci sono oltre 7.000 istituti di microfinanza nel mondo, con una potenza concessoria di 2,5 miliardi di dollari, nei confronti di più di 16 milioni di debitori. Circa 1.200 di queste istituzioni lavorano solo in Bangladesh, dove Grameen Bank, BRAC, ASA e Prosaic sono i maggiori istituti.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi