Dieta vegana al neonato: il Tribunale lo affida ai nonni

dieta_veganaUn’altra vicenda arricchisce l’intricato scenario di relazioni tra i giudici e i genitori di neonati e di bimbi vegani. Un bimbo di un anno è infatti stato affidato dal Tribunale alle cure dei nonni, in un caso che, comunque, presentava numerose specificità: il bimbo era infatti stato ricoverato a Milano con gravi problemi cardiaci, ed era visibilmente denutrito.

E così, ap rendere le decisioni di affidarlo ai nonni è stato un giudice del Tribunale dei minorenni, dopo le indagini della polizia locale di Milano, che hanno rivelato che entrambi i genitori (madre italiana e padre indiano), gli davano da mangiare solamente dei cibi vegani, evitando ogni alimento di derivazione animale, come latticini e uova. Nelle indicazioni dei giudici, la madre potrà comunque continuare a vedere il bimbo, ma ai nonni sarà affidata la responsabilità di assicurare al bimbo un’alimentazione che sia adeguata alla sua età e alle sue condizioni di salute.

Secondo le ricostruzioni, al momento del ricovero il piccolo pesava solamente cinque chilogrammi. A stupire i medici non è inoltre stato solamente il peso del bimbo (equivalente a quello di un bambino di tre mesi, e non di dodici) quanto anche il fatto che i genitori “si opponevano alle cure minimizzando il disagio del figlio”, peraltro già affetto da una cardiopatia grave, non corretta chirurgicamente.

“La scelta del Tribunale di privilegiare in questa fase il collocamento presso l’abitazione dei nonni è assolutamente condivisibile – spiega Ciro Cascone, capo della procura presso il Tribunale per i minorenni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *