Home » Primi piatti light: la pasta si può mangiare quando si è a dieta?

Primi piatti light: la pasta si può mangiare quando si è a dieta?

penneFino a qualche decennio fa chi si metteva a dieta vedeva la quantità di pasta e carboidrati complessi consumabile al giorno subire una riduzione drastica; molto spesso si doveva addirittura rinunciare totalmente a questo alimento. Oggi la scienza alimentare ha fatto vari passi avanti, giungendo a comprendere che non è solo la quantità di cibo che fa la differenza, ma anche la qualità. Rinunciare ad un alimento importante come la pasta non è necessario se si vuole perdere qualche chilogrammo. L’importante è prepararlo in modo corretto. Sul sito prodottiperdimagrire.net sono disponibili diverse ricette light, anche a base di pasta.

Fa più ingrassare il sugo o la pasta?

Molti dei piatti tradizionali della cucina italiana sono ricchi di grassi, oli e ingredienti calorici. Tra questi ci sono anche varie ricette a base di pasta; si pensi ad esempio alla carbonara o al ragù alla bolognese. In questi piatti l’elevata quantità di calorie non è dovuta alla pasta, ma al condimento. Per preparare un piatto di pasta leggero ma gustoso basta diminuire le dosi di carboidrato, ad esempio evitando di superare gli 80-90 g, e condirlo con pochi grassi e tante verdure. Per un gusto più robusto si possono sfruttare spezie ed erbe aromatiche, come ad esempio il peperoncino o il basilico. Una bella pasta corta con un condimento di ricotta, basilico, noci e pochissimo olio diventa un primo piatto da leccarsi i baffi, pur mantenendo basso il conteggio calorico. Se si amano le porzioni non tropo piccole, il piatto può essere reso più “pieno” con un sugo alle verdure. Ad esempio peperoni e zucchine grigliate, tagliate a piccoli pezzi e utilizzate per spadellare degli spaghetti a mezza cottura, poca acqua di cottura per mantecare e il gioco è fatto.

Pasta di buona qualità

A volte un piatto di pasta deludente può essere dovuto anche all’ingrediente principale, ossia la pasta stessa. Quando si è a dieta ipocalorica la scelta degli ingredienti dovrebbe essere effettuata in modo più preciso e attento. Acquistare solo verdura di stagione è il primo passo per ottenere un buon piatto di pasta. Il secondo consiste nel comprare pasta di buona qualità, magari anche farla a casa. Per diminuire la quantità di calorie assorbite, ottenendo comunque un buon senso di sazietà è consigliabile anche utilizzare la pasta integrale, perché ricca di fibre e di Sali minerali preziosi durante la dieta.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi