Ricetta baccalà mantecato

Baccalà o stoccafisso?

4yrge35Il baccalà rappresenta da sempre l’ingrediente delle feste, cucinato in tanti modi diversi, alcuni più originali, altri ben legati a tradizioni che si tramandano da famiglia in famiglia. Nel linguaggio comune si tende a confondere il baccalà con lo stoccafisso. In realtà si tratta di due cose diverse anche se la materia prima è sempre la stessa, ciò che cambia è il metodo di conservazione: il baccalà infatti è conservato sotto sale, mentre lo stoccafisso è essiccato. Lo stoccafisso in Veneto viene chiamato baccalà, anche se il vero baccalà, pur trattandosi sempre di merluzzo, subisce un processo di conservazione diverso e subito dopo essere stato pescato, viene cosparso di sale e, in alcuni casi, lasciato essiccare all’aria. Entrambi molto amati nella cucina italiana ed in quella europea, baccalà e stoccafisso possono essere conservati per lunghi periodi e questo li rende degli ottimi alleati in cucina.  Il baccalà si presta ad essere cucinato in tanti modi diversi realizzando antipasti, primi o secondi piatti facili, veloci da preparare ma anche gustosi e genuini. Tra le diverse ricette con cui è possibile cucinare il baccalà, vi è quella del baccalà mantecato.

 

 

Baccalà mantecato

Si tratta di un piatto tipico di Venezia, proprio per questo è conosciuto anche con il nome di baccalà alla veneziana. Il termine mantecato deriva dallo spagnolo manteca, cioè burro. La mantecatura implica una lavorazione che conferisce un aspetto morbido e cremoso: la trasformazione in crema deve avvenire rigorosamente senza l’aggiunta di panna o burro. Una ricetta, questa del baccalà, fantastica sia per chi cucina, che per chi assaggia, poiché la sua preparazione richiede dimestichezza e impegno, e il risultato della ricetta è un connubio eccezionale in cui semplicità e delicatezza si fondono in un risultato sublime. Per questa ricetta si usa lo stoccafisso, per cui è necessario un lungo ammollo per ammorbidire il pesce. La ricetta del baccalà mantecato pur essendo gustosa e adatta anche per cene eleganti, è abbastanza semplice da realizzare e i tempi di preparazione sono alquanto ridotti. Andiamo a scoprirla da vicino.

 

 

Ingredienti

Gli ingredienti per preparare questa squisita ricetta sono:

  • baccalà;
  • latte intero;
  • prezzemolo;
  • aglio;
  • olio extra vergine di oliva.

 

Fasi di preparazione

Lo stoccafisso deve rimanere in ammollo in acqua fredda per 24 ore per rinvenire e perdere il sale di conservazione. Secondo il procedimento tradizionale, il baccalà viene cotto e ridotto in crema con abbondante olio, aglio e prezzemolo e poi servito con polentina bianca o crostini di polenta. Lo stoccafisso è poi lavorato con olio extravergine fino a creare una crema spumosa e omogenea. Si regola di sale e di pepe e il piatto è pronto. Questo piatto è spesso servito come antipasto su crostoni di polenta o pane tostato, lo si trova anche in forma di cicchetto nei vari bacari e osterie di Venezia, come ripieno di piccoli panini o semplicemente su crostini abbrustoliti.

 

Come alternativa al baccalà mantecato, sempre rimanendo in ambiente Veneto, vi è un’altra deliziosa ricetta, ovvero il baccala alla vicentina. Scopri come prepararlo, leggi la ricetta.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi