Italia, fiducia di imprese e famiglie in lieve correzione

In Italia l’Istat ha diramato gli ultimi aggiornamenti della fiducia delle imprese e delle famiglie, evidenziando come i dati siano corretti a novembre dopo la striscia positiva vista nei mesi precedenti.

Più nel dettaglio, l’indice composito di fiducia delle imprese diffuso dall’Istat è calato lievemente a 108,8 punti contro il precedente dato di 109,1 punti di ottobre. Il morale delle imprese è invece diminuito nel commercio al dettaglio (dopo il balzo visto il mese precedente) ed è viceversa aumentato sia nelle costruzioni (tornando al record da quasi dieci anni già toccato a settembre) che nei servizi (ai massimi da un anno e mezzo).

Nel settore manifatturiero il clima di fiducia è risultato essere sostanzialmente invariato, passando a 110,8 punti da 110,9 punti del mese precedente, rimanendo perciò vicino a un massimo da maggio del 2007 a questa parte. Nel dettaglio dell’indagine, si nota un miglioramento delle valutazioni correnti delle imprese sia sulla produzione che sugli ordini, compensato da un minor ottimismo prospettico sull’output.

Le aspettative delle imprese sull’economia, dopo il balzo di ottobre (che aveva portato l’indice al secondo livello più elevato dal 2001), sono invece tornate ai livelli di settembre. In maniera speculare rispetto a quanto avvenuto il mese scorso, il clima di

fiducia è calato tra i produttori di beni intermedi e strumentali, mentre è salito nel comparto dei beni di consumo.

La fiducia dei consumatori secondo l’indagine Istat è infine calata a 114,3 punti nel corso del mese di a novembre, contro i 116 punti di ottobre, che rappresentava un massimo da gennaio dello scorso anno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *