Farsi leccare in faccia dal cane o dal gatto è pericoloso?

cat-323262_960_720È un gesto che tantissimi proprietari di cani e di gatti subiscono ogni giorno. Ed è, tuttavia, un gesto che secondo alcuni studiosi potrebbe rappresentare un potenziale pericolo mortale: farsi leccare sulla faccia o sulle mani dal proprio cane o dal proprio gatto potrebbe infatti rivelarsi molto pericoloso, al punto da mettere a repentaglio la vita del proprietario dell’animale domestico.

A dichiararlo è un recente studio pubblicato sul British Medical Journal Case Reports, che ha citato come colpevole il “Capnocytophaga canimorsus”, un batterio che è presente nella saliva dei nostri amici cani e gatti, e che – se entra in contatto con le mucose umane – può provocare la setticemia, cioè un’infezione generalizzata a tutto il nostro organismo, determinata dal passaggio nel sangue di alcuni batteri che provengono da focolai di natura infettiva. Insomma, un’allerta che non può passare inosservato, e che è stato diramato dopo l’osservazione del caso di una signora di 70 anni, non fumatrice e bevitrice solo occasionale, che è finita in terapia intensiva per una forma rara di setticemia contratta dal proprio piccolo cagnolino.

La donna è stata fortunatamente salvata grazie all’intervento di un parente che, dopo averla sentita in difficoltà al telefono, ha contattato i paramedici. Giunti a casa sua, i dottori l’hanno trovata in stato di semi incoscienza sulla poltrona. Ricoverata in ospedale, la signora aveva dato segni di ripresa, ma dopo qualche giorno era sopraggiunta una grave forma di insufficienza renale: i successivi analisi del sangue, condotti nella stessa struttura ospedaliera, avevano poi evidenziato un’infezione degenerata in sepsi. E tutto sarebbe partito dal levriero italiano di cui la signora è inseparabile amica e compagna…

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi